Il titolo dell'evento, "Transiente", fa riferimento alla dinamicità delle opere in mostra. 
Attraverso il suono e, in alcuni casi, attraverso il movimento delle loro componenti, le opere prendono vita ponendosi in una condizione di variabilità temporale. Esse, pur essendo espressione di poetiche distinte e pur rifacendosi a tecniche e stili differenti, condividono questa condizione e costituiscono quindi un insieme organico, un percorso che richiama alla nostra attenzione l'evanescenza e il passaggio, mostrando vari modi in cui l'associazione di fenomeni transienti a realtà statiche possa modificare la nostra percezione, e, in ultimo, la nostra valutazione estetica di un particolare oggetto.
Allestita nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita, la mostra presenta cinque installazioni: lavori di Shingo Inao, Pe Lang, Donato Piccolo,  Edgardo Rudnitzky e Michele Spanghero, opere dove il suono rappresenta un cruciale elemento strutturale, indagato attraverso la sperimentazione di diversi materiali come dispositivi magnetici, elettrici e meccanici, strumenti e spartiti musicali grafici, o oggetti di uso quotidiano.