Dagli anni Cinquanta, artisti di tutto il mondo hanno iniziato a concepire l'arte non solo a fini estetici ma anche politici. Nel corso del tempo si è consolidata la figura dell’artista-attivista che getta luce sull’attualità, denunciandone le contraddizioni e proponendo nuove vie.

 

L'arte può davvero cambiare il mondo? ARTE ATTIVA. Artisti, politica e vita quotidiana è un ciclo di quattro lezioni, aperte al pubblico, della Scuola di alta formazione di Fondazione Modena Arti Visive che analizza lo stretto rapporto tra arte contemporanea e società.

Il primo appuntamento è per mercoledì 4 dicembre alle 18 con la lezione di Cecilia Guida, docente all'Accademia di Belle Arti di Brera, dal titolo Breve storia dell'attivismo nel mondo dell'arte: da Joseph Beuys ad Ai Weiwei.

 

Cecilia Guida (1978) è docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti “Brera” a Milano e curatrice. PhD in Comunicazione e Nuove Tecnologie dell’Arte, si occupa delle relazioni tra pratiche artistiche partecipative, pedagogie radicali e spazio pubblico contemporaneo. Attualmente è responsabile del public program di “ArtLine Milano”, progetto di arte pubblica del Comune di Milano nel nuovo quartiere di CityLife. È autrice di vari saggi, tra cui Spatial Practices. Funzione pubblica e politica dell’arte nella società delle reti (Franco Angeli, 2012), e curatrice della versione italiana di Inferni Artificiali. La politica della spettatorialità nell'arte partecipativa di Claire Bishop (lucasossella editore, 2015). Insieme a Lorenzo Balbi, è la curatrice della mostra "Muntadas. Interconnessioni", la prima mostra di Antoni Muntadas in un museo italiano, a Villa delle Rose, 18 gennaio-22 marzo 2020, con catalogo edito da Corraini in ita, ingl, spagn.

 

Prossimi appuntamenti: 

Mercoledì 22 gennaio 2020, ore 18

BREVE STORIA DELL’ATTIVISMO NEL MONDO DELL’ARTE: LA SCENA CONTEMPORANEA

Lezione di Marco Scotini, NABA-Nuova Accademia di Belle Arti, Milano

 

Mercoledì 12 febbraio 2020, ore 18

YAEL BARTANA: A DECLARATION

Incontro con l’artista Yael Bartana, in dialogo con Chiara Dall’Olio, curatrice della mostra

 

Mercoledì 8 aprile 2020, ore 18

PRATICHE PER UN FUTURO COLLETTIVO? ATTIVISMO, PEDAGOGIA E COINVOLGIMENTO DEL PUBBLICO NEI MUSEI E NELLE GALLERIE

Lezione di Amal Khalaf, Serpentine Galleries, Londra

Indirizzo

FMAV - Palazzo Santa Margherita:
Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena

Orario

Ore 18


Ingresso

Ingresso libero fino a esaurimento posti


Informazioni

Evento collaterale della mostra

Yael Bartana. Cast Off


Potrebbe interessarti

Geumhyung Jeong. Upgrade in Progress
MOSTRA

Geumhyung Jeong. Upgrade in Progress

Upgrade in Progress, la prima personale di Geumhyung Jeong in un’istituzione d’arte contemporanea italiana, presenta una nuova installazione site-specific commissionata da Fondazione Modena Arti Visive e incentrata sul progetto più recente dell'artista coreana.

Arte e azioni per il nostro futuro
MOSTRA

Arte e azioni per il nostro futuro

Una mostra didattica realizzata in collaborazione con le Scuole primarie e secondarie di Modena a seguito del percorso educativo nell'ambito della mostra di Yael Bartana, Cast Off.

 

Yael Bartana. Cast Off
MOSTRA

Yael Bartana. Cast Off

Nel rispetto del Decreto di Governo è confermata la chiusura al pubblico di tutte le sedi di mostra fino a LUNEDÌ 14 APRILE 2020. Sono sospesi tutti gli eventi collaterali, i laboratori e le visite guidate.

 

L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che si interrogano sul significato di concetti come “identità”, “nazione”, “rito” e sulle valenze anche politiche che, oggi più che mai, queste parole hanno nel mondo contemporaneo.