L’esposizione, prodotta da Fondazione Modena Arti Visive e curata da Chiara Dall’Olio, propone una serie di installazioni video e fotografiche dell’artista israeliana, il cui lavoro, intrecciando realtà e finzione, ruota attorno alle tematiche dell’identità, del rito, dello stato-nazione. 

A Modena, dal 15 novembre 2019 al 13 aprile 2020 nella Sala Grande e nelle Sale Superiori della sede FMAV - Palazzo Santa Margherita, Fondazione Modena Arti Visive presenta la personale dell’artista israeliana Yael Bartana (Kfar Yehezkel, 1970), che attualmente vive e lavora tra Amsterdam e Berlino. 

L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che affrontano diverse declinazioni dei concetti di “identità”, “stato-nazione” e “rito”, e la strumentalizzazione di questi termini nella scena politica di oggi. 

Mentre l’Italia e l’Europa stanno affrontando tensioni nazionaliste e nuove spinte separatiste, l’artista intende attirare l’attenzione sull’esistenza di meccanismi sociali e politici predominanti, incoraggiando il pubblico a interrogarsi sulla propria posizione rispetto a questi sistemi.

Indirizzo

FMAV - Palazzo Santa Margherita:
Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena

Orario

Ore 18.00


Ingresso

Libero


Potrebbe interessarti

Geumhyung Jeong. Upgrade in Progress
MOSTRA

Geumhyung Jeong. Upgrade in Progress

Upgrade in Progress, la prima personale di Geumhyung Jeong in un’istituzione d’arte contemporanea italiana, presenta una nuova installazione site-specific commissionata da Fondazione Modena Arti Visive e incentrata sul progetto più recente dell'artista coreana.

Arte e azioni per il nostro futuro
MOSTRA

Arte e azioni per il nostro futuro

Una mostra didattica realizzata in collaborazione con le Scuole primarie e secondarie di Modena a seguito del percorso educativo nell'ambito della mostra di Yael Bartana, Cast Off.

 

Yael Bartana. Cast Off
MOSTRA

Yael Bartana. Cast Off

Nel rispetto del Decreto di Governo è confermata la chiusura al pubblico di tutte le sedi di mostra fino a LUNEDÌ 14 APRILE 2020. Sono sospesi tutti gli eventi collaterali, i laboratori e le visite guidate.

 

L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che si interrogano sul significato di concetti come “identità”, “nazione”, “rito” e sulle valenze anche politiche che, oggi più che mai, queste parole hanno nel mondo contemporaneo.