In dialogo con i curatori Chiara Dall’Olio e Daniele De Luigi, i due artisti racconteranno le opere in mostra mettendo a confronto approcci, punti di vista e chiavi di lettura che li hanno guidati nel lavoro di reinterpretazione del patrimonio conservato nei musei.

Tra i grandi nomi della fotografia italiana, Mario Cresci (Chiavari, 1942) è autore di opere caratterizzate da una grande libertà di ricerca e dalla continua investigazione sulla natura del linguaggio visivo. Tra i lavori in mostra, una rivisitazione dei segni incisi da Giovanni Battista Piranesi, Annibale Carracci e Luigi Calamatta, analizzati attraverso video e scatti fotografici capaci di disvelarne la matericità.

Di un’altra generazione è invece Quayola (Roma, 1982), i cui interventi artistici avvengono attraverso l’uso delle più recenti tecnologie: stampa 3D, scansioni laser, sistemi di computer vision e applicazioni digitali sono gli strumenti con cui l’artista si relaziona a capolavori del passato, da Rubens al Bernini, proponendo nuove e sorprendenti visioni.

 

Indirizzo

FMAV - Palazzo Santa Margherita:
Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena

Appuntamenti

02 dicembre - 18:00


Orario

ore 18


Ingresso

Libero


Informazioni

Capienza massima consentita 40 persone contemporaneamente


Potrebbe interessarti

Mario Cresci. La luce, la traccia, la forma.
MOSTRA

Mario Cresci. La luce, la traccia, la forma.

12 settembre 2020 - 10 gennaio 2021

Mostra personale di Mario Cresci a cura di Chiara Dall’Olio. Per l’occasione l’artista ha ideato un allestimento a partire da opere realizzate con linguaggi differenti e tecniche sperimentali, che caratterizzano da sempre la sua cifra stilistica.

Quayola. Ultima perfezione
MOSTRA

Quayola. Ultima perfezione

18 settembre 2020 - 10 gennaio 2021

La mostra, a cura di Daniele De Luigi e prodotta in collaborazione con la galleria Marignana Arte di Venezia, è la prima personale dell’artista in un’istituzione italiana ed è il risultato della partecipazione di FMAV all’edizione 2019 del Premio Level 0 di Art Verona, che ha coinvolto 13 dei principali musei e istituzioni d’arte contemporanea italiani.