I fumetti giapponesi sono noti in tutto il mondo per il loro stile e la loro carica innovativa, talvolta irriverente, spesso romantica e graffiante. Ma a cosa è dovuta la loro popolarità? Quali sono le caratteristiche grafiche e narrative che li contraddistinguono? E come è possibile catalogarle? L’incontro con il fumettista Davide Sarti conduce in un viaggio nell’universo manga, cercando di coglierne l’unicità e spiegare i meccanismi di questo genere, e raccontando la sua esperienza personale che lo ha portato, da italiano, a lavorare in giappone come assistente mangaka e a pubblicare nel Belpaese alcune opere.

 

Davide Sarti (Bologna, 1990) è autore di fumetti e traduttore dal giapponese per Planet Manga (Panini). Ha completato la sua formazione attraverso corsi di disegno manga in Italia e una laurea magistrale in lingua giapponese presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Durante un periodo di studio in Giappone ha lavorato come assistente per due mangaka, Hiroki Kashiwaba e Soichi Moto. Tornato in Italia ha pubblicato nel 2013 il fumetto Swan Power per MangaSenpai, una casa editrice specializzata in autori occidentali che producono opere fumettistiche disegnate con tecnica nipponica, con cui si era precedentemente collocato in seconda categoria al concorso della rivista giapponese Ribon. Nel 2018 pubblica con la Società editrice La Torre il saggio Capire il manga. Caratteristiche grafiche e narrative del fumetto giapponese.

 

Indirizzo

FMAV - Palazzo Santa Margherita:
Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena

Appuntamenti

25 novembre - 18:00


Orario

ore 18


Ingresso

Libero


Informazioni

Capienza massima 40 persone contemporaneamente


Potrebbe interessarti

Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni
MOSTRA

Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni

12 settembre 2020 - 10 gennaio 2021

Un viaggio dalla fine degli anni Settanta ai giorni nostri che suscita i ricordi d'infanzia accompagnando il visitatore all'interno di quella stagione di 'anime boom' che tanto profondamente ha segnato l'immaginario collettivo.